di Giuseppe Longo

.

Aiuto! Al Sud c’è assoluto bisogno di un altro maestro Manzi. Con molta probabilità tutto è nato da una bufala, da quelle notizie false oggi ormai universalmente conosciute come “fake news”. Sta di fatto che il famoso reddito di cittadinanza promesso dai Cinque stelle, e che li ha fatti stravincere appunto in Meridione, ha già messo in moto gli appetiti degli elettori.
Il giovanissimo Di Maio è ovviamente ancora lungi dall’essere incoronato premier – e chissà se lo diventerà, nonostante il trionfo personale e di partito (pardon, movimento) – che in Puglia, a cominciare dalla bella Giovinazzo, tanti, giovani e meno, hanno deciso di passare subito all’incasso appena a tre giorni dallo spoglio delle schede, chiedendo ai Caf di compilare una fantomatica domanda da inoltrare all’Inps. 
Incuranti del fatto che Babbo Natale è ormai passato da un bel po’, con una velocità supersonica hanno pensato bene – probabilmente memori del vecchio adagio secondo cui “ogni promessa è un debito” – di avviare la pratica per riscuotere l’agognato sussidio. Una scelta avventata, tanto che in rete circolano già divertenti vignette, e che un minimo di conoscenza deĺla grammatica istituzionale li avrebbe consigliati di aspettare almeno la formazione del nuovo governo, la cui fisionomia è ancora tutta da decifrare. È poi meglio sorvolare sul particolare, certamente non trascurabile, se un così mirabolante provvedimento avrebbe la necessaria copertura finanziaria.
Ma così stanno le cose.
In un Paese dove i congiuntivi e la consecutio sono un optional anche fra gli stessi onorevoli – basta accendere mamma Tv – non c’è da meravigliarsi se arriviamo a questo eccesso, anche se questo è purtroppo lo specchio di una situazione occupazionale desolante soprattutto al Sud. Ma ai partiti, ovviamente a quelli vittoriosi, è meglio non chiedere assistenza bensì di favorire la creazione di posti di lavoro vero (cioè non a tempo determinato) attraverso provvedimenti adeguati a partire dalla riduzione delle tasse per chi assume.
Nell’attesa che questo possa avvenire, sarebbe bene cercare un nuovo maestro Manzi. Anche perché l’indimenticato diceva sempre: “Non è mai troppo tardi”
.
 
 .
 < N.d.R.  un vivo ringraziamento al nostro caro amico Giuseppe,

per molti anni “illustre penna” del Messaggero Veneto, per questo contributo>

, , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from venetoorientale.com

Lascia un commento